ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube

Barzellette sulle professioni

Un contadino sta tornando alla fattoria col trattore quando all'improvviso vede muoversi qualcosa di bianco nel cespuglio al bordo della strada. Osservando con attenzione nota un essere tutto bianco che striscia per terra emettendo strani mugolii “Uhm, uhm...uhmmm!”
Il contadino sente un brivido lungo la schiena, quello che ha davanti è sicuramente un extraterrestre! Piano piano comunque si fa coraggio, scende dal trattore e si avvicina al cespuglio e grida, scandendo bene le parole: “Benvenuto sulla Terra, straniero. Qui siamo in Italia, io sono un contadino e mi chiamo Tonio. Capisci le mie parole?”
L'essere tutto bianco starnutisce e gli risponde, in una nuvola di farina: “Ed io sono Carlo, il fornaio tuo vicino. Sono caduto nella farina ed ora sto cercando per terra le mie lenti a contatto!”
In farmacia entra un tipo molto agitato che chiede al farmacista:
"Per cortesia, mi dia qualcosa per sudare!"
Prontissimo, il farmacista tira fuori da sotto il bancone due sacchi pieni di spesa e glieli porge dicendo:
"Ecco guardi, me li porti in Corso Garibaldi 40, quinto piano senza ascensore, vada di corsa, deve essere lì entro 10 minuti altrimenti non troverà più nessuno ad aprirle!"
Un cacciatore muore e va in cielo. Dio, per punirlo dei delitti venatori, lo rimanda sulla terra con le sembianze di una lepre. Un giorno si ritrova davanti a un cacciatore che sta per impallinarlo:
"Non mi spari, la scongiuro! So che lei non mi credera', ma io prima non ero una lepre come ora mi vede, ma un cacciatore come lei!". Il cacciatore lo guarda e, puntandogli la canna del fucile tra gli occhi, dice:
"No, no, guardi che io le credo per davvero! Il problema e che io prima ero una lepre".
Un avvocato e un ingegnere stanno pescando ai Caraibi. L'avvocato dice: "Io sono qui perché la mia casa è bruciata e con lei tutto ciò che possedevo. L'assicurazione ha pagato tutto". Allora l' ingegnere dice: "Ma guarda la coincidenza. Io sono qui perché la mia casa e tutti i miei beni sono stati distrutti da un'inondazione, e la mia assicurazione ha pagato per tutto". L'avvocato rimane un po' perplesso e poi chiede: "Ma come diavolo hai fatto a provocare l'inondazione?".
Due ingegneri si incontrano alla fine dell'estate. Il primo: "Ciao... dove sei stato in vacanza?" - "Eh... io non ho scelta... al solito a Scalea con moglie e figli. E tu?" - "Beh... io sono stato in Spagna... sai com'è?" - "Bella la Spagna, ci andrei di corsa; e dimmi... le iberiche... come sono le iberiche?" - "Le iberiche? Beh... sai... accidenti si è fatto tardi devo scappare... ciao... sentiamoci,eh?". Appena a casa il primo ingegnere sfoglia il dizionario e quando scopre che le "iberiche" sono le ragazze spagnole, si rammarica per aver potuto vantarsi delle proprie avventure.
L'anno successivo, stesso periodo, stesso incontro. Il primo ingegnere "Hei.. ciao, dove sei stato in vacanza?" -"Ancora? Non capisci che non ho alternative? A Scalea con moglie, figli e, per giunta suocera; tu invece?" - "Eehh... io quest'anno sono stato in Grecia" - "Bellissima... e dimmi... le elleniche... che dicono?" - "Le elleniche? Beh, è tardi... devo andare... ciao, ci sentiamo!". Corre a casa, sfoglia il dizionario e legge "Ellenica: ragazza greca". "Per la miseria... che figuraccia!" pensa.
Il terzo anno. Stesso periodo, stessa scena, stessa domanda: "Ciao... dove sei stato in vacanza?" - "Allora sei duro... Scalea con l'aggiunta anche di due cognate, quest'anno... che palle. E tu dove sei stato?" - "Eh eh, quest'anno sono stato in Egitto" - "Grandioso, stupendo l'Egitto... cosa pagherei per andarci; e dimmi... le piramidi... come sono le piramidi?" - "Le piramidi? Sapessi... che pezzi di figliole!!".
Un dottore, un architetto ed un avvocato stanno discutendo su quale tra le loro professioni sia la più antica. Il medico: "La Bibbia dice che Eva fu creata da una costola di Adamo. Naturalmente per merito di un chirurgo!".
Interviene l'architetto: "Si, è probabile. Ma è anche scritto che la terra è stata creata dal caos. Ciò suggerisce che per disegnare la terra è stato sicuramente incaricato un architetto!"
E' ora il turno dell'avvocato: "Anche la tua è una ipotesi probabile. Ma secondo voi, chi ha creato il caos?".
Durante un processo per furto il giudice, rivolgendosi all'imputato, esclama: "...pertanto il qui presente Beppe Rossi è accusato di essersi introdotto alle ore 21, 00 circa in casa del signor Bianchi e di essersi impossessato di un orologio d'oro. La parola alla difesa..." e l'avvocato con piglio sicuro: "In primo luogo, signor giudice, il mio cliente a quell'ora si trovava dal barbiere, che lo può testimoniare e comunque l'orologio non era d'oro, bensì d'argento!"
Manicomio: il dottore mette alla prova tre dei suoi pazienti. Li porta vicino ad una piscina vuota e dice loro: "Adesso ragazzi uno alla volta fate un bel tuffo!"
Antonio uno dei tre prende a salire le scalette del trampolino arriva in cima guarda giù e poi si butta...
"Questo era veramente pazzo pensa il dottore".
E' la volta di Franco, sale le scalette del trampolino guarda giù una volta, una seconda, e infine si tuffa anche lui...
"Pazzo anche questo commenta il dottore".
Per ultimo Pasquale... sale le scalette guarda giù dal trampolino, riguarda, riguarda ancora e alla fine decide di non buttarsi. Scende dal trampolino e si avvicina al dottore, il quale chiede: "Bravo pasquale, ma dimmi perchè non ti sei buttato?" - "Dottore, mi mancava la cuffia mica sono scemo io!".
Tre venditori ambulanti declamano le loro imprese: "Io sono il più abile venditore del mondo.
Ho venduto una stufa ad un capo tribù nel centro Africa".
Ma interviene il secondo: "Eh no, il più abile sono io, ho venduto frigoriferi a tutti gli abitanti di un villaggio di esquimesi...".
Ma il terzo dice: "Mi fate un baffo, io ho venduto un orologio a cucù ad un capitano dei carabinieri...".
"Beh, che c'è di speciale???" esclamano gli altri.
E lui: "Che insieme all'orologio gli ho anche venduto due quintali di mangime..."
Un professore universitario stanco del proprio lavoro intellettuale decide di passare le vacanze in una fattoria; in cambio dell'alloggio farà qualche lavoro manuale.
Il primo giorno il contadino gli chiede di svuotare il letame in fondo alla stalla e di spargerlo sul campo dietro la fattoria.
Alla sera quando il contadino ritorna dai campi trova con grande meraviglia il lavoro già fatto.
Il giorno dopo il contadino chiede al professore di raccogliere e contare tutte le balle di fieno presenti nel terreno.
Alla fine della giornata quando il contadino torna dai campi trova il lavoro perfettamente fatto.
Il terzo giorno il contadino, vergognandosi del lavoro pesante proposto al professore i due giorni prima, gli chiede di dividere le mele grosse dalle piccole e di scartare le marce.
Quando il contadino alla sera ritorna dai campi, con grande meraviglia, vede che nulla è stato fatto e il professore con in mano una mela che dice: "E' piccola o grossa?".
Morale: per spargere merda o per contar balle tutti son capaci, ma quando si tratta di prendere una decisione...".
E' notte. Mario il camionista sta percorrendo una strada statale fra i boschi.
All'improvviso sente alla radio: "Edizione straordinaria del GR1.
Atterrati vicino ad Arezzo degli extraterrestri: sono alti 70 cm, hanno occhi di fuoco e viaggiano su strani oggetti volanti non identificati, dotati di luci lampeggianti bluastre".
Mario ha un sussulto! "Vuoi vedere che quelle luci nel bosco due Km prima erano..!?!?...nooo..!..i..io..che incontro i primi extraterrestri...giornali... tv...interviste...che occasione!". Con il cuore in gola inverte la marcia del suo Tir dirigendosi verso le luci lampeggianti intraviste fra la boscaglia.
Abbandona il mezzo e si addentra tra i cespugli, avvicinandosi sempre più al fascio di luci, cuore a 240 battiti e intravedendo dietro al cespuglio uno strano essere come rannicchiato con gli occhi contratti: "Ehi... io Mario... ca... camionista..!".
Una voce da dietro il cespuglio: "IO GIULIO, AUTISTA DI AMBULANZA E STO CAGANDO...!"
Un balbuziente entra in un bar: "Ba-ba-barista, scu-scu-scusi, mi fa un ca-ca-caffè?".
"Sì, lo pre-pre-preparo su-subito!".
"Ma che fa mi pi-pi-piglia in gi-gi-gi-giro?".
"No, ba-ba-ba-balbetto a-a-a-anche io".
A questo punto entra un altro cliente: "Mi fa un caffè per favore?" e il barista prontamente: "Certo lo preparo immediatamente".
Il primo cliente allora innervosito: "Ma, a-a-a-a-llo-allo-allora, mi pi-pi-pi-pipi-pigliava in gi-gi-gi-giro!!".
- No, pi-pi-pi-pi-pigliavo in gi-gi-gi-giro lui!".
Impiegato: "Nome?".
Cliente: "Pie-pie-pie-pietro".
"Ah, diavolo, è balbuziente, mi spiace!".
E il cliente: "No io no, parlo bene, mio padre è balbuziente e l'ufficiale di anagrafe era un gran figlio di puttana!".
"Pronto, è l'idraulico? Venga, il mio rubinetto perde".
"Ah, sì? E chi vince?".
Al telefono: "Pronto? Parlo con la ditta Smith, Smith & Smith?". La segretaria: "Sì, mi dica".
Il signore: "Mi passa il signor Smith?".
La segretaria: "Mi dispiace, ma il signor Smith è in ferie". Il signore: "Allora, mi passi il signor Smith".
La segretaria: "Mi dispiace, ma è appena uscito".
Il signore: "Allora, mi passi il signor Smith".
La segretaria: "Certo, glielo passo subito!".
Un fisico, un ingegnere e un matematico se ne vanno in treno per la Scozia, quando dal finestrino scorgono una pecora nera.
"Ah!", dice il fisico, "vedo che in Scozia le pecore sono tutte nere!".
"Hmmm...", replica l'ingegnere "possiamo solo dire che qualche pecora scozzese è nera...".
"No!", conclude il matematico" tutto quello che sappiamo è che esiste in Scozia almeno una pecora con uno dei due lati di colore nero!".
Perchè i matematici non fanno l'amore? Perchè aggiungendo e togliendo una stessa quantità non cambia nulla!
Un'azienda che produce scarpe manda in Africa due rappresentanti a sondare il mercato, uno ottimista e l'altro pessimista.
Dopo una settimana arrivano due telegrammi.
L'ottimista dice: "Ottimi affari, qui nessuno porta scarpe!".
Il pessimista dice: "Pessimi affari, qui nessuno porta scarpe!".

1

Pagina 1 di 1 - 18 risultati