ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube

Barzellette sugli animali

Nella savana africana mamma gazzella sta spiegando alla figlioletta cosa vuol dire per loro vivere lì...
"Vedi, figliola, questa è la dura legge della natura. Ogni mattina all'alba una gazzella si sveglia, si alza ed inizia a correre e subito dopo anche il leone si sveglia e comincia a rincorrerla..."
La piccola gazzella rimugina sulle parole della madre e poi risponde: "Sai che ti dico mamma? Che io da qui in avanti dormirò molto, molto, moltissimo e mi alzerò tardissimo!"
Un entomologo studia da una vita il comportamento dei ragni. Finalmente fa una eccezionale scoperta e convoca una riunione dei più grandi esperti di insetti del mondo per illustrarla. L'entomologo mostra ai colleghi un ragno, lo mette sul tavolo e gli dice:
"Fai tre passi avanti."
Fra lo stupore generale il ragno fa tre passi avanti. Poi gli dice:
"Fai tre passi indetro."
E il ragno, incredibilmente, esegue l'ordine e fa tre passi indietro. Poi stacca le zampe al ragno e gli dice:
"Ora fai tre passi avanti."
Il ragno rimane immobile.
"Fai tre passi indietro."
Il ragno rimane sempre immobile.
"Questa è la mia scoperta," commenta orgoglioso il professore " se si staccano le zampe a un ragno, diventa sordo."
Una signora vuole un animale domestico per avere un po' di compagnia mentre i figli sono a scuola e il marito al lavoro. Dopo averci pensato un po' decide di scartare cani e gatti perche danno troppo da fare. Meglio un bel pappagallo che sa anche parlare. Però, problema: costano tutti un sacco! Ma un giorno, per caso, ne vede uno esposto in un negozio, che costa solo 50 Euro. Fantastico! Entra e lo compra.
Mentre sta per pagare, il commesso le dice: "Senta Signora, devo pero dirle una cosa imbarazzante... sa, non e un caso che costi cosi poco... il fatto e che questo pappagallo ha vissuto fino ad ora in un... bordello". Ma è talmente bello che la signora decide di comprarlo ugualmente.
Arriva a casa, lo piazza nella sua gabbia in salotto e aspetta con pazienza che dica qualcosa. Il pappagallo si guarda un po' attorno, studia la stanza e la sua nuova padrona e alla fine dice: "Ok, nuova casa, nuova maitresse". La signora si imbarazza un po' ma poi ci ride sopra. In fondo non ha detto niente di cosi sconveniente.
Tornano a casa le figlie da scuola e il pappagallo, dopo averle squadrate: "Nuova casa, nuova maitresse, nuove ragazze" Le ragazze si guardano allibite, ma poi si uniscono alle risate della madre. Alle 6 torna a casa il marito. Il pappagallo lo guarda bene, guarda ancora madre e figlie e dice: "Nuova casa, nuova maitresse, nuove ragazze, gli stessi vecchi clienti. Ueila! Ciao Gianni, come va?"
Un uccellino sta girando per il bosco e a un certo punto trova un cane e gli dice: "E tu chi sei?", e il cane: "Un cane-lupo" e l'uccellino: "Perché cane-lupo?", il cane: "Perché mia mamma era un cane e mio papà un lupo".
L'uccellino va avanti e trova un pesce: "E tu chi sei?", il pesce "Una trota-salmonata" l'uccellino "Perché una trota-salmonata?" il pesce "Perché mia mamma era una trota e mio papà un salmone".
L'uccellino va avanti e trova una zanzara e gli dice "E tu chi sei?" la zanzara "Una zanzara-tigre" l'uccellino "Eh no... non mi prendete mica in giro!"
Un coniglio se ne va in giro tutto contento per il prato, perchè sta per finire la sua tesi di laurea.
A un certo punto incontra un lupo, che ovviamente vuole mangiarselo.
Il coniglio almeno vuole laurearsi prima di morire, quindi dice al lupo: "Vieni nella mia tana, ti farò leggere la mia tesi; se non sei d'accordo mi mangerai!".
"Ma qual è il titolo della tua tesi?".
"La Superiorità dei Conigli su Lupi e Volpi!".
Il lupo, sentito il titolo, decide di accettare. Entra nella tana del coniglio e non ne esce più.
Il giorno dopo una volpe passa vicino alla tana del coniglio, che si sta preparando per il giorno della laurea, e ovviamente comincia a rincorrerlo per mangiarselo.
Il coniglio le chiede di leggere la sua tesi prima di mangiarlo e, una volta sentito il titolo, anche la volpe accetta ed entra nella tana del coniglio.
Anche la volpe non ne esce.
Il coniglio il giorno della laurea esce dalla tana in ghingheri e incontra un suo amico, che gli chiede il titolo della sua tesi. Il coniglietto gli risponde fiero: "La Superiorità dei Conigli su Lupi e Volpi!!".
"Ma non mi pare possa funzionare...".
"Seguimi nella mia tana e ti spiegherò tutto !!".
L'amico segue il coniglio nella tana e si ritrova davanti a un mucchietto di ossa di volpe, un mucchietto di ossa di lupo e, in fondo allo studio, vicino al computer con in mano le varie copie della tesi, un grosso leone.
MORALE: Non importa il titolo della tesi, ciò che conta è CHI è il tuo relatore!!
Un tizio entra in un negozio di animali per comprare un pappagallo.
Il negoziante avverte che ne ha solo tre e molto costosi.
Il primo costa 10.000 Euro ed è in grado di programmare un computer, il secondo costa 50.000 Euro e oltre che a programmare è in grado di progettare computer.
Il terzo costa 100.000 Euro.
Il tizio incuriosito chiede: "E questo cos'ha di speciale?".
E il negoziante: "Non so, ma gli altri due lo chiamano professore!"
l piccolo villaggio nel pieno della jungla africana è arrivato il famoso cacciatore bianco Felipe.
Fa presto amicizia con il locale Pierino, un ragazzino di colore, simpatico, ma con l’handicap di essere balbuziente.
Un giorno sono seduti sotto una palma, quando si avvicina un leone.
Il Pierino lo vede e si mette a gridare: "Le..
le..
le...". Il leone si avvicina paurosamente e silenziosamente: è chiaro quali sono le sue intenzioni.
Il Pierino continua a gridare: "Le... le... le...".
Proprio quando il leone sta per fare l’ultimo salto, il cacciatore avvisato dalle grida del Pierino locale si gira, vede il leone e gli spara salvando tutti.
Viene indetta una grande festa per festeggiare Pierino e il cacciatore.
Grandi bevute e Hurra.
Ad un tratto Pierino grida: "Hip... hip..
hip...".
E tutti: "Hurra".
Pierino continua: "Hip... hip... hip..." e tutti "Hurra".
E tutti furono travolti e mangiati dagli ippopotami!
Squilla il telefono a casa Papagnetti, ma non c'è nessuno tranne il cane.
Squilla, squilla, squilla, alla fine il cane si stufa e si arrampica al mobile del telefono, gli dà una zampata e rovescia la cornetta sul pavimento.
Voce: "Pronto?".
Cane: "Bau!".
"Pronto?!".
E il cane: "Bau!".
"Ma chi parla? Non si capisce niente!".
E il cane: "Bau! Bau!".
"Pronto! Non la sento bene!".
E il cane incazzato: "Bau! B come Bologna, A come Ancona, U come Udine!".
Che cos'è la pura lana vergine? Quella della pecora brutta brutta!
Un tale seduto su un muretto vede passare le pecore e si diverte a fare loro il verso: "Beee beee beee".
L'ultima pecora lo guarda e dice: "Beh?".
Chi produce la lana vergine? Le pecore che corrono più del pastore!
Se non fosse stato per quella puttana di una pecora avrei un maglione di pura lana vergine.
Un ventriloquo arriva in un paese e vede un contadino seduto con un cane, un cavallo e una pecora: "Che bel cane! Ti spiace se gli parlo?".
E il contadino: "Questo cane non parla!".
Ma il ventriloquo insiste: "Hei cane, come va?".
E il cane: "Bene".
Il contadino è un po' scioccato.
Il ventriloquo continua: "E' lui il tuo padrone?".
E il cane: "Sì".
"E come ti tratta?".
"Bene. Mi porta in giro e mi dà un ottimo cibo".
Il contadino è sempre più sconvolto.
Il ventriloquo allora chiede: "Posso parlare al cavallo?".
Il contadino risponde: "I cavalli non parlano!".
Ma il ventriloquo chiede al cavallo: "Hei cavallo, come va?".
E il cavallo: "Bene!".
Il contadino è sempre più scioccato.
Il ventriloquo chiede al cavallo: "E' il tuo padrone lui?". E il cavallo: "Sì".
"Come ti tratta?".
"Bene, mi pulisce spesso e mi dà buon cibo".
Il contadino ora è del tutto sconvolto.
Il ventriloquo gli chiede: "Ti spiace se parlo con la tua pecora?".
E il contadino, sconvolto, grida: "Quella pecora è una gran bugiarda!".
Primo matto: "Hai visto che bel cane che ho?".
Un amico del matto: "Ma non vedi che è una capra, cretino!".
"Ho detto che è un cane!". "Ma non vedi che ha le corna!".
"Ma saranno cazzi suoi, no!".
Due capre affamate vagano nel deserto, ad un tratto scorgono la bobina di un film in mezzo alla sabbia.
La prima capra urla: "Guarda! Finalmente qualche cosa da mangiare!" e si divora tutta la pellicola in pochi secondi.
L'altra capra guarda stupita la compagna ed esclama: "Allora, com'è? ".
E la prima: "Mah, ti diro'... era meglio il libro".
Una mucca entra un un bar: "Vorrei una caramella... mou".
Dopo 5 minuti entra una pecora: "Vorrei una caramella...".
"Anche lei mou?". "Beh?".
Un tizio trova in mezzo ad un campo un pozzo.
Per cercare di capire quanto è profondo decide di buttarci dentro un sasso; lo butta ma non sente il pluf neppure dopo parecchi secondi.
Tenta allora con un sasso più grosso, ma anche con questo niente pluf.
Allora prende un enorme masso e butta quello nel pozzo.
Finalmente, dopo un minuto buono, si sente un bello splash.
Dopo qualche secondo sente scalpitare alle sue spalle; si gira e vede un caprone che gli viene incontro caricando a testa bassa e correndo come un pazzo; quando si accorge che viene proprio verso di lui, il tizio sale sul pozzo impaurito; il caprone arriva di corsa e, saltato il muretto, si butta nel pozzo. Dopo un po' arriva un contadino che chiede al tizio: "Scusi, ha mica visto un caprone??".
Ed il tizio: "Perchè me lo chiede??".
Il contadino: "Beh, vede, lo avevo legato ad un masso con una corda lunga lunga ma ora non lo trovo più!".
Notizia giornalistica: Rubati in un grande allevamento zoo-tecnico numerosi montoni.
Sono già stati effettuati diversi arrosti.

Pagina 1 di 2 - 23 risultati