ACCEDI

Attendere, registrazione in corso...

Password dimenticata?

×

REGISTRATI

Registrati gratis su Fuoriditesta.it, il più grande sito umoristico italiano.

Attendere, registrazione in corso...

Iscriviti usando il tuo indirizzo e-mail

Hai già un account? Accedi al sito

×
Seguici su Google+ Feed RSS Seguici su YouTube

Barzellette e aforismi

Il più grande archivio di barzellette, aforismi e indovinelli del web! Visita anche il nostro forum con un'enorme raccolta di barzellette e testi divertenti inviati dai nostri utenti.
Aforismi Aforismi (317)
Animali Animali (23)
Calcio Calcio (20)
Carabinieri Carabinieri (164)
Colmi e freddure Colmi e freddure (209)
Dal dottore Dal dottore (66)
Donne Donne (27)
Indovinelli Indovinelli (27)
Politica Politica (27)
Professioni Professioni (18)
Religione Religione (42)
Scuola Scuola (59)
Tecnologia Tecnologia (35)
Uomini Uomini (16)
Varie Varie (37)

Le barzellette più divertenti

Cinque ragioni per cui i computers devono essere donne: 5. Nessuno oltre il loro creatore comprende la loro logica interna. 4. Anche i tuoi più piccoli errori vengono immediatamente registrati in memoria per uso futuro. 3. Il linguaggio nativo usato per comunicare con altri computers è incomprensibile a chiunque altro. 2. Il messaggio "Comando o Filename Errato" ha circa lo stesso contenuto di informazione di "Se non sai perché sono innamorata di te, non sarò certamente io a dirtelo". E la ragione numero uno: 1. Appena ne acquisti uno, ti trovi a spendere metà del tuo stipendio in accessori.

Pubblicata nella categoria Tecnologia

Due carabinieri si sono persi nel deserto: da vari giorni camminano sotto il sole.
Ad un certo punto uno dice all'altro: "Ho una sete...".
E l'altro: "Sai, ho un rimedio infallibile contro la sete: basta ciucciare un sasso!".
"Già, peccato che qui ci sia solo sabbia...".
"Hai ragione, accidenti!".
Lungo silenzio.
I due continuano la loro tremenda camminata sulle dune.
Ad un certo punto uno dei due esclama: "Ehi! Saremmo salvi se solo trovassimo un fiume!".
"Hai ragione: sul fondo dei fiumi ci sono sempre un casino di sassi!"

Pubblicata nella categoria Carabinieri

Alla visita di leva 4 aspiranti reclute.
- Tu, leggi il cartello! - Funicolare di Como.
- Bene abile arruolato destinazione alpini.
Avanti un altro.
- Tu, leggi il cartello! - Funicolare di Como.
- Bene abile arruolato destinazione fanti.
Avanti un altro.
- Leggi il cartello! - Funicolare di Como.
- Bene abile arruolato destinazione alpini.
Avanti un altro.
- Leggi il cartello! - (con accento siculo) Fu Nicola RE di Como.
- Abile arruolato destinazione carabinieri.

Pubblicata nella categoria Carabinieri

Una coppia di anziani coniugi sta festeggiando il 75° anniversario di matrimonio in un ristorante decisamente chic. Alla fine della cena, il marito si rivolge affabilmente alla moglie e le chiede: “Cara, c'è una cosa che ti vorrei chiedere. Mi ha sempre colpito il fatto che il nostro decimo figlio non assomiglia per niente agli altri 9. Ora ti assicuro che questi 75 anni insieme sono stati un'esperienza stupenda e la tua risposta non potrà in alcun modo cambiare questo mio pensiero, ma io debbo sapere la verità...egli ha un padre differente?
La moglie, incapace di guardare negli occhi il marito, china la testa e dopo un paio di minuti di pausa confessa: “Sì, caro, è così.”
L'uomo è profondamente abbattuto, in fondo sperava solo di sbagliarsi. Con le lacrime agli occhi chiede: “E dimmi, chi è il padre?”
Nuovamente la donna abbassa la testa ed è in vistoso imbarazzo, non vorrebbe dire la verità al marito, ma è commossa dal suo candore e quindi con un filo di voce risponde: “Tu!”

Pubblicata nella categoria Uomini

Una donna si reca in un negozio di articoli sportivi per comprare una canna da pesca da regalare al marito per il suo compleanno.
Nel negozio dietro la cassa l’unico impiegato è un tizio con gli occhiali scuri e un cane che le chiede: "Posso aiutarla?".
"Certo, vorrei una canna da pesca, mi può parlare di questa?".
Il venditore le dice: "Sono spiacente, signora, ma sono cieco e non posso vedere la canna a cui lei si riferisce.
Tuttavia se la prende e me la porta qui io sono in grado di descrivergliela in base al rumore che fa".
La signora prende la canna e la porta alla cassa dal rivenditore cieco.
Questi la agita e dice: "Questa è una Zebco 250, in fibra di vetro, da 6 pollici, a media gittata. Costa 25 Euro".
La signora dice: "Eccezionale!" e prende un'altra canna.
Il rivenditore la agita e dice: "Questa è una Orion 35C, di grafite, da 6 pollici, a lunga gittata, da usare con una attrezzatura ultra-leggera. Costa 40 Euro".
Notevolmente colpita la signora decide di comprare la seconda canna.
Nel mentre la signora si lascia sfuggire un gran peto rumoroso e puzzolente, ma pensa di non scusarsi con l’uomo dato che è cieco e che non ha idea di chi lei sia.
Il venditore alla cassa dice: "Allora, fanno 45 Euro".
E la signora: "Ma come? 45 Euro? Lei aveva detto 40 Euro!".
"Certo, signora, 40 Euro per la canna, 3 Euro per il richiamo dell’anitra e 2 Euro per l'esca a base di vermi".

Pubblicata nella categoria Donne

Una signora vuole un animale domestico per avere un po' di compagnia mentre i figli sono a scuola e il marito al lavoro. Dopo averci pensato un po' decide di scartare cani e gatti perche danno troppo da fare. Meglio un bel pappagallo che sa anche parlare. Però, problema: costano tutti un sacco! Ma un giorno, per caso, ne vede uno esposto in un negozio, che costa solo 50 Euro. Fantastico! Entra e lo compra.
Mentre sta per pagare, il commesso le dice: "Senta Signora, devo pero dirle una cosa imbarazzante... sa, non e un caso che costi cosi poco... il fatto e che questo pappagallo ha vissuto fino ad ora in un... bordello". Ma è talmente bello che la signora decide di comprarlo ugualmente.
Arriva a casa, lo piazza nella sua gabbia in salotto e aspetta con pazienza che dica qualcosa. Il pappagallo si guarda un po' attorno, studia la stanza e la sua nuova padrona e alla fine dice: "Ok, nuova casa, nuova maitresse". La signora si imbarazza un po' ma poi ci ride sopra. In fondo non ha detto niente di cosi sconveniente.
Tornano a casa le figlie da scuola e il pappagallo, dopo averle squadrate: "Nuova casa, nuova maitresse, nuove ragazze" Le ragazze si guardano allibite, ma poi si uniscono alle risate della madre. Alle 6 torna a casa il marito. Il pappagallo lo guarda bene, guarda ancora madre e figlie e dice: "Nuova casa, nuova maitresse, nuove ragazze, gli stessi vecchi clienti. Ueila! Ciao Gianni, come va?"

Pubblicata nella categoria Animali